Il complesso termale di Castrocaro, a soli 2 minuti a piedi dall’hotel, oltre ad offrire le Cure tradizionali: la fangobalneoterapia con i preziosi fanghi a maturazione naturale con estrazione sul posto e con la speciale composizione delle acque termali salsobromoiodica e solfurea, le inalazioni e il massaggio manuale classico, presenta una nuova veste con il Centro di Riabilitazione di Fisioterapia e la Clinica del Benessere e il metodo Long life Formula, che si occupa della prevenzione dell’invecchiamento generale con interventi mirati ad un miglioramento della salute. L’elevata professionalità della Direzione fanno delle Terme di Castrocaro un centro di eccellenza che porta avanti un’antica tradizione.
Visita il sito termedicastrocaro.it o telefona al numero verde 800 017 931.

Un pò di storia per i più curiosi.
L’antica Salsubium romana, che fin dall’Ottocento prese a coltivare la vocazione a luogo termale si sviluppò soprattutto nel dopoguerra, quando diventò tra le più importanti stazioni termali.
Fu il professore Antonio Targioni-Tozzetti dell’Università di Pisa e docente di chimica tecnologica che analizzando le acque minerali di Castrocaro nel 1830, per primo scoprì che possedevano un alto contenuto di jodio e di bromo e ne consigliò l’uso nelle malattie ghiandolari e scrofolose.
Niccolò Frassineti, dottore in utroque iure, per primo utilizzò le acque minerali di Castrocaro con fini industriali e commerciali iniziando nel 1844 la vendita di acqua salsoiodica in fiaschi e barili e aprendo in Castrocaro un piccolo stabilimento termale, seguito nel 1851 dal patriota Conte Antonio Marescotti. Un terzo stabilimento sorse nel 1871 per opera di Aristide Conti.

Dentro al Parco delle Terme, da ammirare, il Tempietto della Salute destinato alle cure idropiniche. Dominato da un tempietto in stile pompeiano con decorazioni e ceramiche del faentino Pietro Melandri. Esso raccoglie 4 fontanelle con le acque minerali per cure idropiniche denominate Gigliola, Salutare, Salsubia e Salubria.
Apro una parentesi perchè ammiriate il Padiglione delle feste (1937-38), suggestivo esempio monumentale dell’architettura nazionalista, al quale si accede sia dall’ingresso principale delle Terme sia dal Parco delle Terme.
La piscina natatoria dentro al parco delle Terme solitamente apre nel mese di Giugno, ed è a pagamento per gli ospiti del nostro hotel, e ovviamente all’apertura segue il caldo della bella stagione; è una piscina scoperta molto bella posta al centro del Parco in posizione dominante e soleggiata.